Storia

L’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero (I.D.S.C.) è stato istituito con la Legge n. 222/85 (accordo di revisione del concordato tra Stato e Chiesa del 1929) con lo scopo di assicurare un dignitoso contributo economico al mantenimento di tutti i sacerdoti che svolgono un servizio pastorale a favore della Diocesi.
Tale accordo è coerente con la visione di Chiesa maturata nel Concilio Vaticano II e fu firmato il 18 febbraio 1984 dal Presidente del Consiglio italiano e dal Segretario di Stato Vaticano.
Gli Istituti Diocesani sono regolati da uno Statuto emanato dal Vescovo, ma si muovono all’interno degli accordi tra Chiesa e Stato e perciò secondo regole non modificabili unilateralmente.
Il loro compito è di amministrare il patrimonio pervenuto dagli ex benefici provvedendo, con i redditi di questo, alle remunerazioni per i sacerdoti.
Infatti, tutti i proventi che derivano dalla conduzione dell’Ente confluiscono all’Istituto Centrale per il Sostentamento del Clero che, con un meccanismo perequativo, provvede alla redistribuzione delle entrate tra tutti i sacerdoti diocesani a livello nazionale.
La Conferenza episcopale italiana stabilisce una soglia di reddito che ogni presbitero deve poter ricevere. Viene così assicurata a ciascuno dei sacerdoti diocesani una remunerazione complessiva minima di € 988,80 lordi mensili per 12 mensilità.”
Dal punto di vista fiscale è doveroso precisare che l’Istituto Diocesano paga le medesime imposte sul patrimonio (I.M.U., TASI, Tasse Consortili, Plusvalenze, etc.) al pari di qualsiasi altro soggetto non commerciale, senza alcuno sconto, mentre l’imposta sui redditi gode dell’applicazione di un’aliquota agevolata.

Presidenti IDSC di Bologna dalla sua istituzione

  • In carica dal 09 settembre 2016 Mons. Massimo Fabbri
  • Mons. Pier Paolo Brandani 2006 – 2016
  • Mons. Niso Albertazzi 1996 – 2005
  • Mons. Cesare Benni 1985 – 1996

 

condividi su